O ai simpri cjatât lis polemichis fatis in Italie par improibî il burca une stupidade.

Intant ca di nô nol è che al sedi un grant probleme par vie che no son tancj i imigrâts musulmans che a rivin des nazions dulà che si lu dopre.

Ma la cuestion vere e je une altre.

Dut ce che si dîs cuintri il burca al sarès fat pe emancipazion feminine des imigradis, par che deventedin libaris e no sotanis dal om.

Po ben se o lin a cjalâ la classifiche mondiâl des paris oportunitâts o viodin che la Italie e je 77esime, la ultime, o cuasi de Europe e dai paîs siôrs.

La reson e stâ tal fat che ca di nô lis feminis no rivin tai puescj di comant. A van ben dome come cui e tetis di mostrâ pe television.

Crodêitmi, chei dal burca o sin nô.

9 coments:

  1. Jaio Furlanâr ha detto...

    Chê da burka o dal vêl a é in discussion ancje in France e in Belgjo.La mê femine che a é a pene tornade de Arabie Saudite, il paîs indulà che rivant al aeropuart lis feminis a scuegnin comprâsi un vistît che ur nascuindi le feminitât e indulà che par no stâ in companie des feminis a no 'nd é traspuarts in comun e a bisugne cjoli un taxi. Alà, miôr lâ ator acompagnadis da un om e mascaradis si nó a tu puedis fâcji bastonâ de polizie religjôse che a é autorizade a fâlu come se a no tu sieris il negozi aes oris des preieris (5 x in dí) o ben sa tu guidis une machine se a tu sês une femine:-)
    O crôt che nissun al vedi fastidi di viodi une arabe lâ ator come tal medio evo.Semai, a si lis considere come lis cjargnielis vistidis di nêri (Parcé che di spès in luto) e cul cjâf cuviert da un façolet, che a si incuintravin ancjemó a Udin che a nol é tant. Le quistion a puès deventâ plui pesande cuant che le nestre libertât a no sarà plui le stesse tal câs che le difarence di numar a sedin lis nestris feminis che a scuignin vistîsi come lôr e no lôr a viestîsi come nô. Al baste bielzà dome un fanatic, e in tune scuele, a si tire vie il crucifís.Le quistion a é simpri chê.A si scomence a tolerâ chest, e po a si à di tolerâ dut il rest. Sun tun âltri sogjet, un grum distant, cjapin i gay, che a nol é tant a si clamavin fenôi,a 'nd é simpri stâts e simpri a in saran, ma cumó, cu le tolerance, e an il dirit di sfilâ tes gay parades e vie indenant. Cierte int, e di sigûr, cierts fruts, a si sintin bielzà andicapâts di no jessi gay ancje lôr. Alore,in cierts paîs indulà che a an bielzà il dirit di maridâsi ce reclamino cumó? -Il dirit di adotâ fruts! Nissun nol é pront a crodi che doi oms a no adotaran frutis ma dome fruts e vice versa paes feminis.Piês, in Olande a 'nd é bielzà un partît politic che al pivete par dâ il dirit ai adultos di fâ sès cui fruts!
    Su le quistion des statistichis, bisugne viodi cun ce elements che a son stadis fatis. In Americhe, i parametros a no son come in Europe.Baste viodi lis statistichis sul ben vivi che a dan Zurigo e Copenhaeghen come capofile.Ma cui îsal ch'al larès a stâ in chês sitâts? Dutcâs, propit chiste setemane, su Euronews a cjacarin dome di chel; De paritât des feminis in Europe. E ce disino sù chest? Po ben, che le disparitât jenfri i salaris des feminis e dai oms, in Italie a é une des plui bassis d'Europe che, a disin, a é dal 5%. In France a é dal 18% e in Spagne e in Grecie immó di plui.
    Mandi.  

  2. il crot ha detto...

    Il probleme des feminis in Italie al è che no rivin ai puescj di comant!
    Cjale tropis che a son lis laureadis e tropis che a son chês che a rivin a la dirigjence di alc. Il risultât al è sconfuartânt.
    Prove a pensâ tropis parlamentaris, tropis presidentis di regjon, tropis ministris, tropis sindics, tropis primaris di ospedâl, tropis retoris di universitât che a son!
    Se dopo tu vâs tal privât, tes bancjis, tes aziendis, tropis sono lis diretoris e lis manager?

    Ma ae fin dut chest nus somee normâl, par chel o dîs che il nestri biel burca invisibil lu metin ancje nô a lis nestris feminis...

    Su la cualitât de vite di Zurîch e Copenaghen, viodint che Gurize a jere ai prins puescj in Italie un mio amì bisiac di Monfalcon mi à domandât cui che al è chel mat che al larès a stâ a Gurize...  

  3. Jaio Furlanâr ha detto...

    Biele chê di Gurizie:-)
    O crôt che su le quistion de burka, lis talianis a si la metin dibessolis a partî dal moment che a si maridin parcé che a an avonde da fâ cu le famee par lâ a fâ pulitiche. Invezit, propit Iar a Vignêsie o viodevi che tal art, a son ben representadis e tal ûltin Art Laguna , lis plui bielis oparis a jerin fatis daes feminis. O ai contât a vôli, amancul trente a cuarante par cent.Daspó, lí ch'o stavi, o viodevi i neons rós daes sûrs Ramonda ogni dí e ogni gnot e no puès crodi che chês a vedin mai vût la burka o che a vedin le voe di metile une dí.Dutcâs, a nol bisugnarès finî par fâ come in Americhe che par vê une percentuâl di nêris tal cine, a si scuegni fâ une leç par obleâ a metiu ancje cuant che a no coventin, o ben, juste parcé che a son in te leç ancje se a no an nissun merit o nissune capacitât.
    Mandi  

  4. Anonimo ha detto...

    ..tu ses tornàt parsore cialcjànt che ca jè le veretàt di dujù i dis purtrop chenti.
    berpine  

  5. Anonimo ha detto...

    Solo ora leggo. Tanta retorica, quasi stupida. Ma vivete nella società o solo ci passate sopra. All'interno della comunità/famiglia le donne hanno sempre gestito/comandato. Con tatto, con discrezione, ma sempre deciso loro. Ora fanno e disfono come voglione. Basta che uno si guardi in giro e se è sposato analizzi il rapporto con la propria moglie per vedere chi gestisce/comanda. Tutto il resto sono chiacchere pour parler  

  6. il crot ha detto...

    Velu! Brâf! Lis feminis sposadis a cjase che tant a comandin lôr!
    Tu rindis plui fuarte la me opinion che chel talian al sedi un "probleme culturâl". La cuestion e je (baste viodi i confronts cui paîs "avanzâts"), ma no ven percepide. La Italie al è un paîs moderni e une vore indenant in tantis robis ma, tal stes timp, e à dute un schirie di ritarts culturai di cheste fate.....  

  7. Anonimo ha detto...

    Evidentemente è difficile voler analizzare dei fenomeni sociali complessi come il rapporto uomo/donna/lavoro con superficialità e in poco spazio. Nei millenni la società si è data delle regole secondo l'attitudine di ogni essere umano. La donna fa meglio dell'uomo "quasi" in tutti i campi, ma non può fare tutto e allora la società gli ha dato il compito/lavoro più importante/gratificante che sia. Provvedere alle generazioni future. Lo ha sempre fatto. Oggi nei paesi così detti sviluppati la donna copre ruoli che un tempo erano occupati esclusivamente dall'uomo, e, dove può, forse, con maggior successo. Ma, in quelle società chi provvede alle generazioni future? Provvede la società stessa tramite lo stato? Fra quante generazioni si riuscirà a capire se questo è bene o è male?  

  8. il crot ha detto...

    Ma nol è che ca di nô lis feminis a stedin a cjase a fâ fîis!
    A àn di lavorâ come i oms ma no rivin intai puescj di comant e, tal stes timp, o vin un dai tâs di natalitât fra i plui bas dal mont.  

  9. Anonimo ha detto...

    Jotu ca le alc ca nol va. Al'è saltât l'ecuilibri. Di cui la colpe no sai e no sai nancje se a è "cualitât de vite" che di Zurich, Oslo etc.. Nus àn tolt alc di nestri e disin cal'è progres.
    Benedet el timp dul'à che las femines a tignivin sù 3 cjantons. Chês si ca savevin fà.