Continuant il discors che o vevi tacât timp indaûr su la grafie o fevelarai vuê de lenghe di doprâ cuant che si scrîf.

Prime di rivâ a la coinè (peraule che a cualchidun i fâs vignî il mâl di panze dome a sintîle) al è ben fâsi une domande: cuâl isal il furlan vêr, cuâl isal il furlan plui biel?

La rispueste classiche e varès di jessi, lant daûr de tradizion, chel di Sant Danêl, ma, almancul che un nol sedi di Sant Danêl, la rispueste e je sbaliade! Il furlan plui biel al è chel che un al à imparât in famee, il furlan de mari, chel che un al fevele di frutin piçul.

Daûr i neurolinguiscj cheste no je une cuestion di gust personâl ma si trate di schemis mentâi che si vegnin a formâ tai neurons dal çurviel intai agns dal so plui grant svilup e che a restaran par simpri, par che al è normâl che la lenghe dal cûr e sedi la variant locâl de marilenghe che si è imparade.

Par chest l'istint che un al à cuant che al tache a scrivi al è chel di doprâ il so furlan.

Se la robe e va di sigûr ben pe poesie, se e pues lâ ben pe prose, pal teatri e magari par il propit blog (un esempli che mi ven iniment al è il curtissâr), il probleme di vê une lenghe comune par scrivi al ven fûr cuant che si cjacare di alc in gjenerâl, di alc par ducj (un gjornâl, de sagjistiche, un comunicât pe stampe).

Chel che o ai fat jo cuant che o ai tacât a scrivi al è stât di cirî di doprâ il furlan comun moderni, la moderne coinè.

Tancj (?!) di lôr la critichin parcè che a disin che al è un furlan inventât dai professôrs, masse dongje al talian, parât ju dal alt de regjon o di chel tristat di Lamuela (e dopo a tachin cuntune naine sui bêçs straçâts, sul fat che al cope lis varietâts e vie indenant, dut scrit ben par talian).

A mi il gnûf furlan mi plâs une vore di plui di chel di une volte…
Al è plui dongje a chel che o feveli jo ancje se sigurementri plui imbastardît.

O ai ancje di disi che jo o soi un câs un pôc particolâr parcè che in famee, di bande di mê mari e di me pari o ai imparât doi furlans difarents, (di une bande chel di Tarcint, di chê altre chel di Codroip). Po dopo i miei paîs (Cividât, Orsarie, Buri), a àn ducj une variant difarente e insome une lenghe comune tal scrit e vûl.

Atenzion però! Dome tal scrit!

Parcè che la robe che mancul si sa e che no si conte mai avonde, il segret che nissun al disvele, (e massime no lu cognossin chei che a tramain cuintri il furlan), al è che no esist une regole di pronuncie dal furlan comun, ven a stâi che nol esist un furlan fevelât comun e che si à di leilu come se al fos il propit furlan.

Se o scrîf dîs ûfs; a Codroip lu lei deis ous e invezit a Buri dîs ûs. Se o scrîf salam di cjase; a Tarcint o lei salamp di cjase e a Orsarie salamp di cjasa, e o soi simpri tal just!

4 coments:

  1. Sandri ha detto...

    Dut ben scrit, plui di dut chel de diference tra scrit e fevelât, che e jere stade declarade za di chel "tristat" di Lamuela!
    Juste une curiositât: la "tradizion" che il furlan plui biel, o fintremai chel plui "just" al è chel di Sant Denêl, e je pardabon une bufule. La origjin e podarès jessi la identificazion resinte tra Sant Denêl tant che la "Siena del Friuli" e il stereotip talian, aromai passât di mode, che il talian plui biel si fevelave a Siena: ecuazion, il furlan plui biel al è di Sant Denêl, cun tant di trombis e trombons sunâts dai socis de SFF tes sôs fraiis di chês bandis. In realtât nol è mai stât un model leterari o estetic par nissun che nol fos di li, diferent invezit di chel di Ermes di Colorêt o di Pieri Çorut che a son calcolâts i paris de coinè.  

  2. la Morete ha detto...

    Chest post e ancje il coment a varessin di jessi ripuartâts in ducj i blog e par ducj i sîts dal Friûl. Dut câs cuant che si fasin scrivi i fruts a scuele (e al è just che a scrivin come che a puedin) e si publichin libris, bisugne che i libris a vegnin fûr inte coinè se no no si puès doprâju intune altre scuele. E chest al è propite "butâ vie i beçs".  

  3. Matieu ha detto...

    Mandi Crot,
    volevi visati che doman al è il BlogDay (http://www.blogday.org/) e che segnalarai il to blog.

    Matieu  

  4. il crot ha detto...

    Par matieu:
    Grazie. no sai ce dî.